previousnext 12/2/2009

Tripla vittoria per New Holland al Sima per il trattore NH2™ alimentato a idrogeno, la trasmissione EasyDrive™ e l’interfaccia utente intelligente 

New Holland Agriculture ha conquistato le Medaglie d’oro e d’argento al SIMA Innovation Awards 2009, rispettivamente per il trattore NH2 alimentato a idrogeno e per l’avanzata trasmissione EasyDrive™. La casa costruttrice si è aggiudicata anche una Menzione Speciale per l’Interfaccia Utente Intelligente, un sistema di ottimizzazione per mietitrebbia completamente automatizzato: una chiara dimostrazione del vasto ambito di applicazione delle tecnologie innovative che New Holland sviluppa a vantaggio della clientela.

Indipendenza energetica dell’azienda agricola e trattore NH2™: New Holland offre agli agricoltori un futuro autonomo

Il concetto di indipendenza energetica dell’azienda agricola proposto da New Holland offre notevoli vantaggi nel lungo periodo ai clienti, permettendo loro di creare, immagazzinare e utilizzare energia in modo pratico e funzionale. Questo concetto è basato sulla capacità di produrre elettricità da fonti naturali a basso impatto ambientale e di riutilizzare facilmente l’elettricità prodotta. Il trattore NH2™ alimentato a idrogeno, premiato con la Medaglia d’oro al SIMA Innovation Awards 2009, è solo una delle componenti di una visione più ampia che mira a liberare gli agricoltori dal peso dei continui aumenti di prezzo del combustibile.

Il concetto di indipendenza energetica dell’azienda agricola
Il combustibile rappresenta oggi come nel futuro una quota importante dei costi di esercizio delle aziende agricole. New Holland ritiene che la tecnologia a idrogeno offrirà agli agricoltori una fonte indipendente di energia, utilizzabile per una grande varietà di veicoli e applicazioni, con la garanzia di un maggior controllo sulle spese future nel loro business.

Gli ostacoli tradizionali riguardo all’utilizzo dell’idrogeno sono soprattutto la distribuzione e la disponibilità. A causa delle lunghe distanze percorribili da automobili e autocarri, l’utilizzo dell’idrogeno nei veicoli commerciali e privati è stato limitato essenzialmente dalla mancanza di un sistema di distribuzione nazionale che risulterebbe estremamente costoso da gestire.

Il concetto di indipendenza energetica dell’azienda agricola prevede che siano i clienti stessi a produrre in proprio l’idrogeno partendo dall’acqua e ad immagazzinarlo compresso. Il procedimento prevede che, attraverso un processo chiamato elettrolisi, utilizzando l’elettricità prodotta da impianti eolici, pannelli solari o processi a biomassa e biogas collocati nell’azienda agricola, si scomponga l’acqua in idrogeno e ossigeno. Non soltanto il trattore NH2™ alimentato a idrogeno rappresenta il primo passo concreto, ma le implicazioni del concetto di indipendenza energetica dell’azienda agricola proposto da New Holland sono molto più ampie e potrebbero rivoluzionare l’intera produzione agricola, consentendole di superare una volta per tutte le problematiche energetiche di altri settori industriali.

«Gli agricoltori sono in una posizione di assoluto vantaggio per approfittare della tecnologia di utilizzo dell’idrogeno: a differenza di altri, dispongono dello spazio sufficiente per installare sistemi alternativi di generazione dell’energia elettrica, ad esempio impianti solari, eolici, per il trattamento delle biomasse e per immagazzinare l’energia prodotta sotto forma di idrogeno. Oltre ai vantaggi di tipo ambientale, un sistema di questo tipo consentirebbe alle aziende agricole di diventare indipendenti dal punto di vista energetico e di migliorare la propria stabilità finanziaria» osserva Pierre Lahutte, responsabile Global Product Marketing per i trattori e i movimentatori telescopici New Holland.

Le tecnologie di utilizzo dell’idrogeno hanno già trovato un convinto appoggio a livello internazionale da parte del Commissario europeo per la ricerca Janez Potočnik, il quale ha dichiarato che «l’obiettivo ultimo di questa piattaforma tecnologica sarà l’attuazione di un sistema energetico europeo competitivo».

I vantaggi esclusivi dell’utilizzo dell’idrogeno
Attualmente le aziende agricole in ogni parte del mondo utilizzano vari sistemi di produzione dell’energia elettrica, che spaziano dagli impianti solari a quelli eolici o fermentatori di biomasse. Tuttavia, l’energia elettrica che non viene immediatamente utilizzata deve essere rivenduta alla rete energetica nazionale oppure va persa. Il concetto di indipendenza energetica dell’azienda agricola va oltre, consentendo di immagazzinare l’energia prodotta sotto forma di idrogeno compresso, utilizzabile poi direttamente nei macchinari agricoli o nei generatori per fornire elettricità e calore agli edifici e alle varie applicazioni agricole.

I veicoli alimentati a idrogeno sono in corso di sperimentazione da molti anni. In agricoltura questi veicoli offrono molti vantaggi rispetto a quelli alimentati a batterie, che sono efficienti solo nei cicli del tipo “stop and start” e che richiedono molto tempo per la ricarica.

I veicoli alimentati a idrogeno superano questi limiti grazie all’idrogeno compresso nei serbatoi, che alimenta le celle a combustibile che a loro volta producono elettricità all’interno del veicolo, offrendo una maggior efficienza e una miglior flessibilità. Le celle a combustile hanno una lunga vita operativa e consentono di evitare il problema ambientale dello smaltimento delle batterie esaurite.

L’idrogeno compresso, ad alto potenziale energetico, può essere comodamente stoccato, anche per lungo tempo, in un serbatoio all’interno dell’azienda agricola, consentendo rifornimenti pronti e veloci. Poiché le macchine agricole lavorano solitamente a breve distanza dalla sede dell’azienda, è possibile rifornirle senza problemi dal serbatoio centrale dell’azienda stessa o da serbatoi satelliti, sia fissi che mobili.

Il trattore NH2™ alimentato a idrogeno
Il trattore NH2™ alimentato a idrogeno è un elemento chiave e una dimostrazione pratica del concetto di indipendenza energetica dell’azienda agricola proposto da New Holland. Primo trattore al mondo alimentato a idrogeno, è perfettamente in linea con la posizione di “Clean Energy Leader” del marchio. New Holland è alla guida del settore con l’approvazione dell’utilizzo del biodiesel al 100% per i motori delle proprie macchine, senza pregiudicarne le prestazioni e senza richiedere complicati programmi di manutenzione.

Nel trattore sperimentale NH2™, presentato al Sima e strutturato sul premiato T6000, il motore a combustione interna è stato sostituito con celle a combustibile che generano elettricità. L’idrogeno compresso, contenuto in un apposito serbatoio, reagisce all’interno della cella con l’ossigeno presente nell’aria, producendo acqua ed energia elettrica che va ad alimentare i motori elettrici che azionano la trasmissione principale e i sistemi ausiliari del trattore.

È proprio la fattibilità commerciale del trattore NH2™ che rende questo progetto enormemente vantaggioso per i clienti del marchio New Holland. Molto più di una semplice idea, il trattore NH2™ è un prototipo da 106 CV perfettamente funzionante e in grado di eseguire tutte le attività di un trattore serie T6000, in quasi totale silenzio ed emettendo solamente calore, vapore ed acqua, non emettendo sostanze inquinanti come ossidi di azoto, particolato o anidride carbonica. Con il suo funzionamento pulito il trattore NH2™ apporta vantaggi aggiuntivi anche alla salute di chi opera in spazi chiusi, come le stalle o le serre.

Il concetto di indipendenza energetica dell’azienda agricola proposto da New Holland offre agli agricoltori una visione positiva del futuro, permettendo loro di controllare meglio i costi di gestione e nello stesso tempo di rispondere meglio alle pressioni del settore per una produttività e un’efficienza sempre maggiori nel pieno rispetto dell’ambiente.

EasyDrive™ : Medaglia d’argento al SIMA per l’avanzata trasmissione CVT New Holland

L’avanzata trasmissione a variazione continua New Holland consentirà ai trattori più piccoli di avere nuovi livelli di operatività e di sfruttare al meglio la potenza del motore: due caratteristiche fondamentali che sono valse alla trasmissione EasyDrive™ una Medaglia d’argento al SIMA Innovation Awards 2009. La nuova trasmissione EasyDrive™ è l’espressione dell’approccio innovativo di New Holland nella creazione di soluzioni a beneficio dei propri clienti.

Distribuzione efficiente della potenza
La nuova trasmissione EasyDrive™ consente un funzionamento più silenzioso, una più efficiente trasmissione della potenza e uno sfruttamento migliore del combustibile. La trasmissione EasyDrive™ verrà introdotta su un’ampia gamma di trattori New Holland con potenza da 40 a 115 CV.

La sfida per gli ingegneri di New Holland è stata creare una trasmissione che superasse le prestazioni di una trasmissione meccanica o idrostatica tradizionale. Il cuore del sistema è il variatore di trasmissione a catena, che comprende una cinghia in acciaio che scorre tra due pulegge di diametro variabile. Ogni puleggia consiste di un disco mobile e in un disco fisso con superfici inclinate. È possibile avvicinare o allontanare i dischi per variare il loro diametro effettivo e generare un numero infinito di rapporti di trasmissione.

La giuria di esperti del SIMA è rimasta impressionata da come la potenza del motore viene trasmessa direttamente alle ruote.

Prestazioni regolari e controllo agevole
La trasmissione del movimento è fluida e continua tra rapporti alti e bassi, senza cambi repentini. I sensori incorporati rilevano la coppia e la velocità del motore e del variatore ai fini del controllo elettronico della trasmissione.

Mano a mano che il trattore si avvia o richiede una coppia più elevata, il sistema EasyDrive™ passa automaticamente a una regolazione bassa, per poi ritornare a una regolazione più alta e meno dispendiosa in termini di consumo di combustibile non appena il carico si riduce. Per gestire la trasmissione, l’operatore deve quindi limitarsi ad azionare la leva dell’inversore e l’acceleratore. Il pedale determina la velocità del motore, mentre la funzione di controllo della trasmissione consente di portare ai massimi livelli la velocità di avanzamento per il carico applicato. Quando si rilascia il pedale, il trattore rallenta la marcia gradualmente fino all’arresto e rimane assolutamente fermo, anche in pendenza.

Tre diverse modalità di trasmissione consentono di impostare rispettivamente il 30%, 60% o 100% della velocità massima di avanzamento quando si preme completamente il pedale dell’acceleratore.

EasyDrive™ è una trasmissione estremamente flessibile, che assicura all’operatore un perfetto controllo del mezzo e prevede una serie di funzioni necessarie per assicurare la massima produttività. La reattività del sistema permette inoltre all’operatore di regolare la velocità del cambio dei rapporti di trasmissione da veloce (ideale nei cicli di carico) a lenta (ideale per prevenire danni ai terreni inerbiti). Inoltre, il controllo della velocità di avanzamento, di tipo automobilistico, consente all’operatore di mantenere o regolare con precisione la velocità per le applicazioni che richiedono una velocità fissa.

Superando persino le prestazioni delle più avanzate trasmissioni idrostatiche, il sistema EasyDrive™ offre ancor più efficienza e funzionalità e, grazie anche alla silenziosità e alla praticità che sono da sempre caratteristiche distintive del marchio New Holland, permette all’operatore di sfruttare al meglio i vantaggi di questa innovazione con la massima facilità.

Con l’interfaccia utente intelligente New Holland, c’è un esperto di raccolta in cabina

Le moderne mietitrebbie presentano caratteristiche sempre più sofisticate e ottenere granella di massima qualità con perdite minime è diventato fondamentale: ecco perché agli operatori è richiesta una specializzazione sempre più elevata. L’interfaccia utente intelligente di New Holland mette a disposizione dell’operatore un ricco patrimonio di esperienze, con monitoraggio automatico delle prestazioni e correzione delle impostazioni di raccolta al semplice tocco di un pulsante. Il sistema, che ha ricevuto una “menzione speciale” al SIMA Innovation Awards 2009, consente anche gli operatori meno esperti di raccogliere con tranquillità e assistendoli nell’ottimizzare le prestazioni della mietitrebbia per raggiungere i massimi livelli di performance.

Guida esperta
L’elevato numero di regolazioni possibili per le impostazioni della macchina e la grande variabilità delle condizioni del prodotto e della raccolta richiedono una notevole esperienza senza la quale è difficile per gli agricoltori e i contoterzisti assicurare alla macchina una produttività costante ai massimi livelli. Soprattutto nei periodi in cui il prezzo dei cereali scende mentre quello del combustibile sale, una macchina bene impostata è sicuramente in grado di fare la differenza in termini di redditività. Inoltre, dato che si tende a sostituire più macchine piccole con un’unica macchina grande, si rende indispensabile che quest’ultima sia in grado di funzionare continuamente al massimo delle proprie capacità operative.

L’interfaccia utente intelligente New Holland permette all’operatore di ottimizzare intuitivamente e rapidamente le impostazioni della mietitrebbia in qualsiasi condizione di prodotto e di raccolta. I parametri operativi principali sono continuamente controllati e visualizzati sul monitor IntelliView™. Se l’operazione di raccolta non rispetta i limiti predefiniti, l’operatore deve semplicemente premere il pulsante Help del sistema ACS (Automatic Crop Settings – Regolazioni Automatiche del Prodotto) sul monitor IntelliView: così facendo, il sistema suggerirà le modifiche alla configurazione della mietitrebbia. L’operatore può decidere se accettare o annullare le modifiche suggerite. In caso affermativo, la mietitrebbia assumerà automaticamente le impostazioni necessarie.

L’interfaccia utente intelligente modificherà per primo il parametro che più si discosta dall’impostazione ottimale. Una volta che l’operatore avrà accettato la modifica, il sistema attenderà 60 secondi per controllare l’effetto della modifica stessa prima di suggerire ulteriori cambiamenti.

Vengono monitorati sia le perdite di granella nelle aree di separazione e pulizia, sia i volumi di resa. Se sulla mietitrebbia è installato il sistema New Holland Grain Cam™, un’ulteriore funzione consente di monitorare la percentuale di granella rotta o di materiale diverso dalla granella. Per ottimizzare le prestazioni, il sistema provvede anche a regolare la velocità del rotore, la distanza tra battitore e controbattitore, le impostazioni dei crivelli e la velocità del ventilatore, nonché a suggerire altre eventuali modifiche.

Maggiore produttività giornaliera
Con questo sistema, anche gli operatori meno esperti potranno regolare la macchina con semplicità, sicuri di utilizzare impostazioni necessarie alle effettive condizioni di lavoro e certi di portare la mietitrebbia alla massima capacità.

A differenza di altri sistemi di controllo, l’interfaccia utente intelligente è l’unico sistema disponibile che, oltre a suggerire, esegue anche automaticamente le necessarie modifiche alle regolazioni. Le regolazioni suggerite dall’interfaccia utente intelligente sono finalizzate a ciascun prodotto specifico e assicurano la massima efficienza in qualsiasi contesto produttivo mondiale.

La nuova interfaccia utente intelligente è disponibile sulle mietitrebbie biassiali serie CR9000 Elevation.

SeeAll

LAST NEWS

11/2/2014

New Holland Agriculture diventa partner strategico dell'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo in ItaliaNew Holland Agriculture è fiera di annunciare la propria partnership strategica con l'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

10/2/2014

La presenza di New Holland a Fieragricola 2014: uno spazio espositivo doppio e il premio di Best Seller awardQuest’anno per l’edizione 2014 di Fieragricola, che si è svolta a Verona dal 6 al 9 febbraio, New Holland è stata presente...

New Holland nel mondo